Siglato il Protocollo di Intesa tra i notai dell’Emilia-Romagna e i Presidenti di FIMAA-FIAIP-ANAMA Emilia Romagna

Il documento è stato sottoscritto, a Bologna venerdì 9 giugno, dal notaio Flavia Fiocchi (presidente del comitato regionale dei consigli notarili dell’Emilia-Romagna), Gian Battista Baccarini (presidente F.I.A.I.P. Emilia-Romagna), Roberto Maccaferri (presidente F.I.M.A.A. Bologna e consigliere F.I.M.A.A. Emilia-Romagna)Archimede Pingiori (presidente A.N.A.M.A. Emilia-Romagna).

Obiettivo primario è quello di informare l'utente-consumatore, già dalla fase precontrattuale, della necessaria opportunità di far predisporre da un tecnico abilitato una Dichiarazione che attesti la conformità catastale e la regolarità edilizio-urbanistica per tutti gli immobili oggetto di atti di cessione.

Il Protocollo di Intesa sottoscritto oggi ha il compito di promuovere e diffondere presso tutti i cittadini, gli agenti immobiliari e i Notai della Regione la "buona pratica” nel processo di compravendita.

L’obiettivo prioritario è quello di creare e consolidare una prassi a tutela del cliente-consumatore, che lo sensibilizzi sull'importanza della Dichiarazione di conformità e la regolarità edilizio-urbanistica e catastale, a corredo dell'immobile ed impegni tutti i soggetti coinvolti, agenti immobiliari e notai - ciascuno per quanto di rispettiva competenza –  ad una maggior tutela del cittadino nel delicato percorso di acquisto/cessione di un immobile.

Il Protocollo è stato siglato alla presenza del notaio Claudio Babbini (Presidente Consiglio Notarile di Bologna) e Paolo Righi, Coordinatore della Consulta Interassociativa Nazionale dell’intermediazione immobiliare (Fiaip - Fimaa – Anama).

“Auspichiamo – affermano all’unisono i tre presidenti regionali di FIMAA, FIAIP e ANAMA Roberto Marzola, Gianbattista Baccarini,  e Archimede Pingiori - che l’accordo regionale, siglato oggi con il Consiglio notarile dell’Emilia Romagna, possa estendersi in breve tempo a tutto il territorio nazionale. La figura dell’agente immobiliare nell’attività precontrattuale è ormai fondamentale. Per questo intendiamo dare insieme al Notariato un ulteriore contributo alla trasparenza e alla sicurezza del mercato immobiliare”.